Smart Villages

“L’informazione filotecnologica contemporanea ha speso la parola smart city negli ultimi dieci anni come panacea dei mali di ogni città, a volte persino come prospettiva di rinnovamento o rinascimento dell’architettura. In realtà il nostro territorio e soprattutto quello di vasta parte del mondo è costellato da unità urbane piccolissime che noi chiamiamo villaggi, paesi, little town. Se la conurbazione post pandemica segna un’onda centrifuga, un punto di arresto a favore di una distribuzione più diffusa nei territori decentrati allora ciò che va ripensato non sono soltanto le smart city ma forse il revamping dei piccoli paesi, cittadine, borghi in smart village, un nuovo concept di socializzazione e tecnologia per forme post millenarie di aggregazione urbana.

Villaggi, ambienti urbani a misura di esistenza e soprattutto di relazione, sistemi in cui la prossimità dei rapporti supplisce alle distanze ed alle alienazioni che ne conseguono, cosi come alle depressioni sulle quali giovani ed anziani consumano i giorni e gli anni.

Villaggi connessi con il mondo per gestire da remoto lavoro, servizi, contatti: la linea che unisce le reti di informazione alle abitazioni, ai contesti umani ovunque essi si trovino.

Non è una questione soltanto di greed, di connessione e banda larga o come altri pensano reti di satelliti intorno al pianeta che riescono a dare un rebound al segnale di internet. Si tratta di pensare sviluppare ed attivare reti di intelligenza a sostegno della crescita tecnologica dei piccoli villaggi.

Per fare tutto questo non è necessario soltanto competenza tecnologica o competenza architettonica. È necessario una componente umanistica innestata in una competenza filosofica che metta a sistema al pari di un system integrator tutte le necessità e le aspirazioni esistenziali dell’Umano.

Bisogna ricreare e far rifiorire di nuovo reti umane e territori dove le singole generazioni abbiano ben altre prospettive di crescita e un paradigma di felicità diverso da quello oggi scomparso nelle urbanizzazioni verticali delle grandi metropoli.”

Do you want to talk to one of our product manager?